Le Mostre

Mostre

Andy Warhol l'alchimista degli anni sessanta

andy2

Dopo Palazzo Reale a Monza la mostra si trasferisce in Puglia nelle città di Ostuni, Mesagne e Martina Franca. 

EASYPOP sarà presente, accanto al maestro della Pop art americana, con alcune opere. 

L'esposizione, visitabile dal 23 maggio al 9 dicembre 2019, a cura di Maurizio Vanni, è stata prodotta da Puglia Micexperience e dall'Associazione Culturale Spirale d'Idee in collaborazione con l'Associazione Culturale Metamorfosi, con il patrocinio dei tre comuni coinvolti e della Regione Puglia e con la partecipazione, nel catalogo realizzata da Silvana Editoriale, della Andy Warhol Art Works Foundation for the Visual Arts. L'esibizione prevede sei sezioni espositive, allo scopo di raccontare l'artista Warhol, ma soprattutto l'impatto e la risonanza che la sua arte ha avuto e continua ad avere sulle altre discipline e sulla società civile, attraverso le città, le nazioni e i continenti:

  • Consumismo, oggetti quotidiani e serialità
    Andy Warhol fu il primo ad intravedere nell'oggetto del consumo di massa un simbolo dell'immaginario popolare, del quale la Pop Art si nutriva (La famosa litografia della Zuppa Cambpell, per intenderci).
  • Miti oltre il tempo
    A volte ci si chiede se il mio di Marilyn Monroe avrebbe avuto la stessa eco senza i celebri ritratti che Warhol produsse quando seppe della sua morte, una serie di opere realizzate utilizzando una foto in bianco e nero tratta dal film "Niagara" del 1953.
  • Amore per la musica. Da producer a ideatore di coverPersonaggi celebri ad uso e consumo
    Radunò a sé delle vere e proprie icone della scena come Lou Reed, David Bowie e Iggy Pop. Per alcuni realizzò anche le cover dei dischi, tra cui la nostra Loredana Berté.
  • Rivoluzione sessuale
    Con lui si ebbe il vero sdoganamento dei costumi sessuali e dell'eccentricità, assai più audace di quello che è giunto fino a noi.
  • L'influenza Pop che raggiunge la Puglia
    Si tratta di una sezione a parte, curata da Michele Laporta, che racconta l'influenza della Pop Art, del Neo Pop e del Neo Dada, ma anche della personalità stessa di Andy Warhol, sugli artisti pugliesi sia affermati che emergenti, uno fra tutti Pino Pascal

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

Accettando accederai a un servizio fornito da una terza parte esterna a https://easypop.art/